Articolo sorgente

Testa al presente, senza dimenticare il futuro. Mentre la Juventus è al lavoro per pianificare la prossima stagione, non passa in secondo piano il settore giovanile bianconero: a testimoniarlo anche quanto riuscito con la Next Gen, in piena lotta per la promozione in Serie B tramite i playoff. A dimostrare ciò, però, c’è anche la tempestività da parte del club di blindare uno dei talenti più brillanti delle giovanili: Paolo Ceppi.

La Juve blinda Ceppi

Centrocampista classe 2008, che milita nella formazione Under 16, è stato blindato dal club bianconero fino al 2027. Il piano per lui sembra chiaro: continuare il processo di crescita nel settore giovanile, fino ad arrivare alla Primavera e alla Next Gen.

D’altronde è questo il percorso intrapreso da tanti illustri colleghi negli ultimi anni: da Miretti a Iling passando per, ovviamente, Yildiz. Ma qual è il percorso che ha portato Ceppi sino a qui, e quali sono le caratteristiche tecniche che lo rendono così speciale? 

Il passaggio dall’Inter, l’exploit in bianconero

Classe 2008, inizia il suo percorso nel settore giovanile del Genoa. Dai rossoblù si accasa successivamente all’Inter, dove nell’unica stagione disputata ha collezionato 15 presenze e tre gol. Dai nerazzurri, il passaggio alla Juventus, ed è proprio in bianconero che arriva la consacrazione di Ceppi.

Nella prima annata si mette in evidenza siglando 5 marcature nella prima stagione, e arrivando a vestire la maglia dell’Italia U15. Poi l’exploit vero e proprio in questa stagione: maglia numero 10 sulle spalle, un rendimento in costante crescita tanto da meritarsi il debutto con la maglia dell’U17 bianconera, con cui gioca 48′ spalmati su in 3 gare giocate.

Le caratteristiche tecniche

Centrocampista dalle caratteristiche prettamente difensive, si contraddistingue però per l’abilità di saper vedere la porta con grande precisione. A testimoniarlo non solo la spendida rete siglata contro il Pisa (dove mise a segno una doppietta), ma anche e soprattutto la tripletta realizzata contro lo Spezia. Tre gol in una partita, di cui due con tiri dalla distanza (marchio di fabbrica della casa), oltre ad una marcatura in area a tu per tu col portiere.

Calciatore moderno, centrocampista box to box, abile nel riconquistare palla ma al contempo avendo la qualità necessaria per far ripartire le sortite offensive e, spesso, riuscendo anche a chiuderle andando in gol. Personalità, forza e qualità: tutti elementi che fanno pensare ad un grande futuro, ovviamente in bianconero.