Articolo sorgente

COPPA ITALIA – Cristiano Giuntoli, football director della Juventus, ha rilasciato un’intervista a Mediaset poco prima della semifinale di Coppa Italia contro la Lazio. “La partita è importante per la Juventus. Troppo facile dare delle colpe. Quando vinciamo o perdiamo lo facciamo sempre tutti insieme. Questo è il nostro motto e si dividono meriti e demeriti”.

Cristiano Giuntoli, football director della Juventus, ha rilasciato un’intervista a Mediaset poco prima della semifinale di Coppa Italia contro la Lazio“La partita è importante per la Juventus. Troppo facile dare delle colpe. Quando vinciamo o perdiamo lo facciamo sempre tutti insieme. Questo è il nostro motto e si dividono meriti e demeriti. Il momento è delicato, le cose non stanno andando per il verso giusto, ma contiamo di invertire la tendenza e siamo fiduciosi per il futuro”.

CALENDARIO E RISULTATI TABELLONE | CLASSIFICA MARCATORI

“In questo momento non mi sento di parlare di mercato o futuro. Siamo concentrati sul presente, dobbiamo cercare di vincere la Coppa Italia e arrivare in Champions League. Poi con calma decideremo il futuro anche in base alla competizione che andremo a fare. Sicuramente sarà un mercato corretto, nel rispetto dell’equilibrio economico e con la speranza di essere competitivi in Italia e all’estero”.

SULLE ULTIME NOVE GIORNATE

“Sicuramente rispetto all’andata un po’ di buona sorte è venuta a mancare. All’andata le cose sono girate un po’ per il verso giusto, al contrario del ritorno. Ma dobbiamo pensare al campo, non alla sorte. L‘attacco in questo periodo è venuto un po’ a mancare. Vlahovic è mancato per qualche partita complici squalifiche e infortuni, anche Milik è rientrato dopo quattro mesi. Ultimamente a livello numerico non siamo stati tutti, ma questa è semplicemente la verità. Dobbiamo stare il più sereno possibile. Le pressioni alla Juventus sono un privilegio, ma dobbiamo dimostrare di poterle sopportare”