Articolo sorgente

Addio prigione dorata. Questa volta in rete non è apparso nessun video girato dai vicini di casa, così come era successo con Cristiano Ronaldo “beccato” di sera intento a far traslocare la sua vasta collezione di auto di lusso – i traslocatori si presentarono con un paio di Tir al seguito – parcheggiate nel suo garage della casa torinese in collina. Questa volta non li ha filmati nessuno. Ma la famiglia di Paul Pogba – affittuaria della stessa casa che ha ospitato negli anni bianconeri la famiglia di CR7; in seguito è stata anche affittata dal gallese Ramsey – ha già lasciato Torino da qualche giorno (già prima addirittura della sentenza del Tribunale Nazionale Antidoping), dando persino disdetta dell’affitto di quella mega-villa di lusso che si affaccia, con un super terrazzo-solarium, su una delle più belle viste panoramiche della città della Mole, a ridosso di corso Picco.

RITORNO FLOP, FINALE SHOCK
Non solo doping, per cui gli è stata comminata nei giorni scorsi una squalifica di 4 anni che mette a serio rischio la carriera del calciatore francese. Il ritorno di Pogba in bianconero è stato un vero e proprio flop su tutta la linea. Otto milioni praticamente buttati dalla Juventus il primo anno, per soli 162 minuti giocati, a 50mila euro ogni sessanta secondi in campo. Tutta colpa di un ginocchio ballerino e dei muscoli di cristallo del francese sbarcato la seconda volta sotto la Mole a parametro zero sempre dal Manchester City.

DA RAGAZZO A UOMO
Dalla casa di corso Agnelli, dove ha abitato la prima volta in cui è sbarcato a Torino, alla casa in collina, poco sopra corso Picco. D’altronde Pogba alla Juve è andato via che era un ragazzo ed è tornato che era un uomo, sposato, con prole al seguito. Per questo la scelta di andare a vivere nell’ex villa affittata da Ronaldo negli anni torinesi. «La villa – si legge nella descrizione della agenzia immobiliare Logo Immobiliare di via della Rocca –  è disposta su quattro piani e viene proposta parzialmente arredata. Al piano terra dispone di spa con sauna, bagno turco, piscina interna, camera e bagno ospiti, tutto direttamente affacciato sul giardino e su una porzione di prato all’inglese completamente recintato come area gioco. Al primo piano vi sono la cucina, un ampio salone con sala da pranzo con vista panoramica sulla città, una camera da letto con bagno, lavanderia. Al piano superiore dispone di due camere dal letto con bagno di pertinenza ed un’ampia zona padronale con camera da letto, bagno e spogliatoio. All’ultimo piano ancora un vasto appartamento ospiti con suite e bagno. Completano la proprietà due appartamenti al piano terra, ampio garage con ascensore interno, guardiola per eventuale sicurezza». Una vera e propria reggia per Queen Z, l’affettuoso nomignolo che Pogba ha dato alla moglie Zulay, influencer di fama internazionale. Al seguito anche i tre figli, l’ultimo dei quali proprio nato nel periodo in cui Pogba ha scelto di rivestirsi di bianconero. La scelta della collina, però, non è stata solo una questione di spazi. E’ stata anche una questione di privacy e di sicurezza visti i ripetuti tentativi di estorsione da parte di uno dei suoi fratelli e da parte di alcuni suoi ex amici di infanzia.