Articolo sorgente

La Juventus frena allo stadio Ferraris contro il Genoa nell’anticipo del venerdì, valido per il 16° turno di Serie A. Il match finisce 1-1. I bianconeri passano in vantaggio al 28′ del primo tempo grazie ad un rigore trasformato da Federico Chiesa. Arriva nella ripresa al 48′ il pareggio di Albert Gudmundsson.

Genoa
Josep MARTINEZ 6.5 – Non può fare altro che stendere Chiesa per il più classico dei calci di rigore. Salva nel finale su Bremer.
Stefano SABELLI 6 – È un quinto prettamente difensivo. Dalle sue parti Kostic si vede poco. Assicura grande copertura senza grossi rischi. Dall’84’ Alessandro VOGLIACCO SV
Mattia BANI 6.5
– Come sempre dà grande solidità al pacchetto difensivo. Insostituibile perno della retroguardia.
Koni DE WINTER 6.5 – Gioca con la maschera protettiva dopo la frattura al setto nasale. Lotta come un leone contro Vlahovic e lo contiene bene.
Radu DRAGUSIN 6.5– Massima resa in qualsiasi posizione della difesa. Si fa vedere anche in avanti sui calci piazzati.
Johan VASQUEZ 6 – Buona spinta sulla sinistra, confeziona un bel cross su cui non arriva Gudmundsson. Esce a fine primo tempo ma non demerita. Dal 46′ Caleb EKUBAN 6.5– Appena entrato serve l’assist per il gol di Gudmundsson. la sua fisicità si sente in area di rigore.
Ruslan MALINOVSKYI 5.5 – Si fa vedere all’inizio con una conclusione da fuori, il suo pezzo forte, poi scompare. Graziato da Massa per un brutto fallo a fine partita.
Milan BADELJ 5 – Imperdonabile per un giocatore della sua esperienza l’errore che porta al fallo da rigore. Poi pian piano rialza la testa e assicura il solito buon rendimento.
Morten FRENDRUP 6.5 – Contributo utilissimo a centrocampo. Battaglia su tutte le seconde palle con grande intensità.
Junior MESSIAS 6 – Qualche buono spunto. Cresce nella ripresa quando viene riportato sulla fascia. Dal 90+3 Ridgeciano HAPS SV
Albert GUDMUNDSSON 7.5
– Si adatta nel ruolo di attaccante. L’indole chiaramente lo porta qualche metro più indietro ed è costretto a sdoppiarsi nel doppio ruolo. Da attaccante rapace il gol del pareggio. Sempre nel pieno del gioco, è lui l’anima rossoblù.
Allenatore: Alberto GILARDINO 7 – L’assenza di Retegui è una grave perdita e lui è costretto a fare di necessità di virtù. Nella ripresa la mossa di Ekuban cambia la partita. Un pareggio che vale molto di più di un punto dopo un periodo sfortunato.

Juventus
Wojciech SZCSESNY 6
– Incolpevole sul gol subito. Per il resto non deve effettuare altre grandi parate.
Federico GATTI 6 – Solita solidità e concretezza da braccetto destro. Stavolta non trova il guizzo in avanti e questa è una notizia.
BREMER 5.5 – Non ha punti di riferimenti da marcare nel primo tempo. Nella ripresa lotta in marcatura con Ekuban. Nel finale manca un gol più difficile da sbagliare a due passi dalla porta.
DANILO 6 – Completa il terzetto difensivo sulla sinistra. Se la cava con la solita esperienza.
Andrea CAMBIASO 6.5 – Tornato nel suo vecchio stadio, è ancora uno dei migliori. Si propone con grande intraprendenza e la qualità delle sue giocate non è più una sorpresa. Dall’88’ Kenan YILDIZ SV
Weston MCKENNIE 5.5
– Meno propositivo del solito e qualche fallo di troppo. L’impegno non è mai in discussione.
Manuel LOCATELLI 5.5 – Non è in un momento brillante. A caccia di palloni sporchi, più quantità che qualità. Sente la mancanza di Rabiot.
Fabio MIRETTI 5.5 – Troppi errori di misura e meno inserimenti rispetti al solito. Lascia il campo nel forcing finale. Dal 74′ Samuel ILING JUNIOR 6 – Prova a dare il suo apporto nell’assalto finale.
Filip KOSTIC 5 – Pochissime iniziative, una delusione conoscendo il valore del giocatore e le sue grandi potenzialità da esterno sinistro. Dal 68′ Timothy WEAH 5.5 – Indietro di condizione, ha bisogno di tempo per entrare negli ingranaggi della squadra. Avrà tutto il tempo per rendersi utile.
Federico CHIESA 7 – Svaria per tutto il fronte d’attacco, serve una palla perfetta per Vlahovic. Si conquista e trasforma il rigore del vantaggio. In ripresa, è il migliore dei bianconeri.
Dusan VLAHOVIC 5.5 – Manca un gol da posizione favorevole nel primo tempo. Innesca l’azione del rigore rubando palla a Badelj. La cosa migliore della sua partita poi si spegne. Dal 68′ Arkadiusz MILIK 5.5 – Non trova il guizzo contro il muro genoano.
Allenatore: Massimiliano ALLEGRI 5.5 – La partita si mette così come l’aveva preparata. La squadra stavolta non la gestisce come le altre volte e paga una indecisione difensiva. Stavolta non trova il gol in zona Cesarini. Dopo tante vittorie ottenute sul filo, un pareggio che tutto sommato ci può stare.

Arbitro: Davide MASSA (Imperia) 5.5 – Al rientro dopo le polemiche di Napoli-Inter, si aspettava una serata decisamente più tranquilla. Non ci sono dubbi sul rigore concesso ai bianconeri. Manca un rosso a Malinoskyi per un fallaccio su Yildiz. Si discuterà a lungo del fallo di mano di Bani in area di rigore, su cui il Var decide di lasciar giocare.